Capo Caccia, l’imponenza della natura

Sardegna Nord Ovest

Capo Caccia sarà una medicina per i tuoi occhi. La maestosità della natura si presenterà davanti a te come mai prima d’ora. Lo scenario è quanto di più profondo si possa percepire: un mare dai colori cangianti, spiagge ricche di sabbia bianca e finissima e una vegetazione ricca di profumi.

A Capo Caccia ti addentrerai nella sua splendida natura attraverso escursioni indimenticabili. Come quelle quotidiane per le isole antistanti di Piana e Foradada, dove sarai attratto dal fascino delle tante grotte presenti. E una volta arrivato in altura, darai un nuovo significato alla parola “panorama”. Nel versante nord-ovest del promontorio sono presenti le Grotte di Nettuno, raggiungibli via mare o dalla “Escala del Cabirol” (la “Scala del Capriolo”), 660 gradini di panoramica.

Capo Caccia ti svelerà questo e tanto altro ancora.

 

Capo Caccia deve il suo nome alle battute di caccia al piccione compiute in barca dai notabili dell’800 attorno al promontorio.

In tempi recenti è stata dichiarata oasi permanente di protezione faunistica, con grande beneficio delle varie specie presenti sia sopra che sotto l’acqua.

 

Luogo ideale per il birdwatching: presenti l’aquila del bonelli, il falco pellegrino, il gabbiano reale e corso, la procellaria e molti altri ancora.

Importante la sua stazione meteorologica e il suo faro, alto 186 metri sul livello del mare, uno dei più visibili a distanza di tutta Italia.

Capo Caccia

Isola Foradada

Isola Piana

Spiaggia di Tuerredda